Henry Moore ha comunicato al mondo la bellezza e l’armonia attraverso volumi definiti da linee morbide e sinuose. Le sue opere, a dispetto delle tragiche vicende del Novecento che videro coinvolto l’artista, manifestano una natura intima e poetica.

Nato nello Yorkshire alla fine dell’Ottocento, Henry Moore prende parte alla Prima Guerra Mondiale, tornando a casa nel 1917 dopo essere stato intossicato dal gas.

Grazie ad una prima borsa di studio dedicata agli ex-militari, riesce a frequentare la Leeds School of Art e completa la sua formazione, grazie ad un secondo assegno, al Royal College of Art di Londra, in cui finisce per insegnare scultura per sette anni.

Henry Moore

I suoi interessi spaziano dalla scultura messicana, egizia e africana (che vede al British Museum) a quella moderna, in particolare a Brancusi, Archipenko, Picasso, passando per la pittura di Cézanne, Matisse ed ancora Picasso. A tutto ciò si aggiungono le esperienze vissute in Italia, che raggiunge nel 1925 grazie ad un’altra borsa di studio. Nel Belpaese ha modo di apprezzare le sculture etrusche e le opere di Giotto, Michelangelo, Donatello e Giovanni Pisano.

Nel 1940 viene nominato “artista di guerra”, con l’incarico di disegnare scene di vita all’interno rifugi antiaerei, e per i tre anni successivi si dedica esclusivamente al disegno.

La poetica di Henry Moore

La sua ricerca artistica cerca di coniugare l’indagine sulla figura umana con l’astrattismo, giungendo a figurazioni dalla forte carica simbolica, costruite attraverso linee morbide e volumi vigorosi.

Spesso si concentra anche su elementi naturali, come sassi, alberi e rocce, e sul cambiamento che i fenomeni atmosferici incidono sulle loro forme. Nel corso della sua carriera si distinguono alcune tematiche ricorrenti:  la guerra, le figure sdraiate, madre e figlio (declinata anche come Madonna o Madre Terra).

Henry Moore

I suoi lavori sono una continua ricerca di equilibrio tra istanze opposte fra loro: vuoto e pieno, umano e  naturale, figurazione ed astrazione.

Tra il 2015 ed il 2016 gli è stata dedicata una restrospettiva  alle Terme di Caracalla di Roma.

Per Bolaffi ha realizzato il Numero 8, edito nella serie di multipli d’arte dedicata ai Numeri Arabi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.